CATALOGO
AUTORI
A B C D E F G H I J k L M N O P R S T U V W Z
NEWSLETTER
Email:
INVIA ANNULLA
SCHEDA

Michele Ruele

Dissolvenze K.

Gregorio è malato di cancro ed è ospite a Merano di una moderna clinica del dolore. È animato da un amore inesauribile per la vita ma affronta la strada della fine con grande dignità e scoprendo nuove verità, nuove sensibilità. Il soggiorno meranese di Franz Kafka nel 1920 e un impossibile, ma sempre vivo, amore per una donna meranese incontrata dieci anni prima a Praga fungono da guida.


Gregorio è malato di cancro ed è ospite a Merano di una moderna clinica del dolore. Le sedute terapeutiche gli provocano visioni a cui lui si abbandona fantasticando. È animato da un amore inesauribile per la vita ma affronta la strada della fine con grande dignità e scoprendo nuove verità, nuove sensibilità. Le riconosce in un intreccio che fa rivivere allo stesso tempo il soggiorno meranese di Franz Kafka nel 1920 e un impossibile, ma sempre vivo, amore per una donna meranese, Felice, incontrata dieci anni prima a Praga. Le storie però, narrate attraverso lettere che non verranno mai spedite, si dissolvono l’una nell’altra pur mantenendo punti di vista e protagonisti ben distinti.

Michele Ruele accompagna il lettore con una scrittura lieve e quasi aerea nell’universo della malattia, dell’amore e del sogno in tutte le sue sfumature, distinte nel tempo e sempre uguali. E Merano, la città che accoglie i foresti e respinge i suoi figli, è lo sfondo del dispiegarsi di queste riflessioni.

“Ruele si muove con straordinario mimetismo nel mondo kafkiano.” Walter Pedullà

  • Italiano
  • 2011
  • pp 164
  • EUR 12,00
Vi consigliamo anche
Le elegie di Rilke tra angeli e finitudine Il lussuoso arazzo di Madame d'Aulnoy